17 Novembre 2021

Come configurare e attivare Google Assistant

Una delle principali novità tecnologiche degli ultimi anni riguarda gli assistenti vocali. Una soluzione che viene sempre più adottata nell'ambito della domotica e oggi permette di tenere dei discorsi, sensati, tra uomo e macchina. Molto spesso tutto nasce dalla richiesta dell'utente.

Google Assistant è uno degli assistenti vocali più diffusi al mondo. Esso è integrato nei dispositivi Android ed è compatibile con lo smart speaker Google Home cioè con l'altoparlante intelligente dell'azienda americana. L'assistente vocale può essere usato con la maggior parte dei dispositivi portatili sia per svolgere delle attività sia per ottenere vari tipi di informazioni.

Tutto ciò è possibile con l'utilizzo di un linguaggio naturale. Quindi l'interazione avviene proprio come avverrebbe tra due persone, tanto che Google Assistant, se gli viene chiesto, è in grado addirittura di raccontare una barzelletta.

Funzionalità di Google Assistant

Il sistema operativo su cui l'assistente vocale dà il meglio di sé è Android. Quindi, chi possiede un dispositivo mobile con tale sistema operativo può sfruttare pienamente Google Assistant. Quest'ultimo, grazie all'utilizzo dell'algoritmo di Google per il trattamento del linguaggio, è in grado di portare avanti delle conversazioni con l'utente. Si tratta di una funzionalità che consente di eseguire autonomamente delle operazioni come prenotare un posto al cinema oppure chiamare un centro estetico per verificare i servizi offerti.  

Il dispositivo, in grado di imitare l'intonazione dell'uomo ed è programmato per percepire tutti quei casi in cui non può soddisfare una richiesta. In quel caso, esso richiede l'intervento umano.

Per utilizzare le funzioni esposte sopra e tante altre, l'utente deve pronunciare il comando vocale "Ok Google" e a quel punto Google Assistant si attiva sullo smartphone o sul tablet Android o iOS per effettuare delle ricerche o attivare il promemoria.

L'assistente vocale della casa americana è molto semplice e intuitivo nell'utilizzo ma è necessario effettuare una corretta configurazione del dispositivo per un utilizzo ottimale. Per sfruttare al meglio le varie funzioni, bisogna conoscere i comandi e il modo per tutelare la propria privacy.

Ma cosa può fare Google Assistant ?

Un numero innumerevole di cose. Tuttavia, le funzioni avanzate di Google Assistant sono disponibili soltanto per determinati dispositivi. Tra le varie funzioni a cui si ha accesso grazie all'assistente vocale vi sono le seguenti:

  • Leggere le news su un determinato argomento
  • Comunicare i risultati degli eventi sportivi e le previsioni del tempo
  • Inviare alla TV la serie di Netflix desiderata pronunciando: Avvia The Crown su Netflix
  • Avviare la propria musica preferita
  • Controllare il calendario degli appuntamenti
  • Creare una lista della spesa
  • Pianificare un viaggio
  • Inviare un sms o un messaggio WhatsApp
  • Impostare la sveglia
  • Tradurre delle frasi da una lingua all'altra
  • Effettuare un’operazione matematica
  • Accendere e spegnere le luci in tutta la casa o soltanto in determinati ambienti
  • Ricercare una ricetta per un primo piatto
  • Trovare consigli per ristoranti dove mangiare, hotel dove alloggiare o un parrucchiere per una nuova acconciatura

Come configurare Google Assistant?

La configurazione ha un ruolo fondamentale per l'utilizzo dell'assistente vocale di Google.
Per configurare un dispositivo Google Home e poterlo utilizzare per controllare i dispositivi legati al mondo della domotica è necessario scaricare l’applicazione dedicata. Quest'ultima è scaricabile sia su Android che su iOS.

Successivamente, basta effettuare il login con il proprio account Google e avviare la configurazione dei dispositivi compatibili sfruttando l’assistente vocale. Chi utilizza Google Assistant può decidere di far attivare l’assistente vocale soltanto con la propria voce. Una volta che ciò avviene, è necessario ripetere “Ok Google” per tre volte consecutive, in modo che l’assistente vocale memorizzi sia il tono che il timbro di voce dell'utente. Dalla schermata principale, bisogna cliccare su “+” in alto a sinistra e andare poi sull’opzione “Configura dispositivo”. A quel punto, è necessario premere su “Hai già configurato qualcosa?” e si viene reindirizzati su una pagina che raggruppa tutti i servizi disponibili.

Una volta individuato il servizio che si intende collegare, basta fare il login con le credenziali registrate durante il primo accesso. Dopo aver fatto ciò, il dispositivo viene aggiunto all'account e si ha la possibilità di assegnarlo a un casa e posizionarlo in una stanza specifica.

Come configurare la propria voce su Google Assistant?

Voice Match è il servizio di Google che consente di riconoscere un utente attraverso il timbro e il tono di voce. Si tratta di una funzione molto utile per chi acquista Google Home, in quanto offre la possibilità di configurare la voce di ciascun componente del nucleo familiare. In questo modo, lo smart speaker può offrire informazioni e funzioni mirate a ognuno di essi come la riproduzione di una playlist di Spotify o inserire degli appuntamento.

Prima di passare alla configurazione, è opportuno accertarsi di aver configurato e associato a Google Home lo smartphone o il tablet che si utilizzerà. Inoltre, il dispositivo mobile deve essere collegato alla stessa rete Wi-Fi di Google Home. Dopo aver eseguito queste verifiche, bisogna svolgere i seguenti passaggi:

  1. Cliccare sull’icona Google Home per avviare l’app Google Home, poi sul simbolo dei profili per accedere alla schermata Account;
  2. Verificare che l'account visualizzato sia quello associato a Google Home durante la configurazione;
  3. Premere Impostazioni ed aprire la scheda Assistente, premere su Voice Match e poi il pulsante + Google Home - Icona Aggiungi , situata in basso a destra, per avviare la ricerca di dispositivi sulla rete Wi-Fi. Alla fine della ricerca vengono mostrati i dispositivi presenti nella rete Wi-Fi;
  4. Selezionare il dispositivo/i a cui si vuole associare la voce e premere su CONTINUA;
  5. Andare su Insegna all’assistente a riconoscere la tua voce, l’informativa fino in fondo e premere il pulsante ACCETTO per proseguire;
  6. Nella maschera Attiva queste impostazioni viene spiegato ciò che viene salvato cliccando sul pulsante ATTIVA ma si può anche scegliere di premere NO, GRAZIE e poi Fine;
  7. All'interno della schermata Insegna all’assistente a riconoscere la tua voce viene chiesto di pronunciare due volte la frase "Ok Google" e due volte la frase "Ehi Google";
  8. Dopo avere fatto ciò, la configurazione di Voice Match richiede quasi un minuto e alla fine della configurazione di Voice Match compare la schermata Ricevi risultati personali grazie alla tua voce. Per poter proseguire è necessario selezionare ACCETTO;
  9. Successivamente, nella schermata Ecco fatto compare un breve elenco di frasi da dire all’assistente Google Home, per verificare che il riconoscimento vocale funzioni in modo adeguato;
  10. Infine, se si desidera invitare un altro componente della famiglia a svolgere il processo di configurazione di Voice Match, bisogna cliccare su INVITA oppure, in caso contrario, su NO, GRAZIE.

Come attivare Google Assistant?

Chi ha uno smartphone con la versione superiore a Android 5.0 può optare per l'attivazione dei comandi vocali. In base alle istruzioni di supporto, sono riportati di seguito i passaggi per attivare Google Assistant sui dispositivi Android:

  1. Aprire l’app su un telefono o un tablet Android;
  2. In basso a destra cliccare in sequenza su “Altro” > “Impostazioni” > “Voce”;
  3. Andare in “Ok Google” e premere su “Voice Match”;
  4. Infine, attiva “Accedi con Voice Match”;
  5. Infine, per avviare una ricerca vocale, bisogna aprire l’app Google sul telefono o tablet Android e pronunciare “Ok Google“ oppure “Hey Google”. In alternativa, è possibile cliccare sull’icona del microfono.

Un'altra modalità consiste nello svolgere i seguenti step:

  1. Avviare l'app Google cliccando sull'icona presente in home screen o nella schermata con la lista di tutte le app installate sul dispositivo, premere sul pulsante  collocato in alto a sinistra o in basso a destra e selezionare la voce Impostazioni dalla schermata che si apre;
  2. Selezionare la voce Impostazioni riferita all'Assistente Google e scegliere il nome del dispositivo che stai utilizzando (es. tablet) e spostare su ON le levette relative alle funzioni Google Assistant e Rilevamento "Ok Google". Se la funzione Rilevamento "Ok Google" non è attiva, bisogna creare un'impronta vocale per il riconoscimento da parte di Google Assistant, come descritto sopra.

Android è il miglior sistema operativo per poter sfruttare al massimo Google Assistant. In particolare, i dispositivi Pixel sono molto intuitivi e per attivare Google Assistant richiedono solo di tenere premuto il tasto Home per qualche secondo di pronunciare la frase "Ok Google" e quando richiesto, scegliere di attivare l'assistente vocale.

Conclusione

L'assistente vocale del colosso americano è una soluzione molto efficace per chi ama servirsi di uno dei servizi più interessanti degli ultimi anni. Non a caso, milioni di persone in tutto il mondo usufruiscono quotidianamente di Google Assistant per svolgere svariate operazioni.

Seguendo quanto indicato sopra, chiunque può configurare e utilizzarlo correttamente introducendo in casa propria una soluzione domotica rivoluzionaria.

Luca Campanella, classe 1996, irrefrenabile viaggiatore con la grande passione per la tecnologia, l'Arte e le storie distopiche. Condividere e sapere è ciò che più lo entusiasma. Nerd da prima che andasse di moda.
©2018-2021 Domotica PRO - Digital Services - P. Iva 01263740860
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram