29 Ottobre 2021

10 Domande da fare a Google Home che ti sorprenderanno

Nell'ambito della domotica, uno dei prodotti più richiesti sul mercato è Google Home, lo speaker intelligente commercializzato dal colosso di Mountain View. Si tratta di uno altoparlante Wi-Fi di tipo smart poiché integra l'assistente vocale presente nei dispositivi Android: Google Assistant.

Si tratta di un assistente vocale basato sull'intelligenza artificiale, che consente all'utente di controllare i dispositivi intelligenti della propria casa. Inoltre, esso permette di delegare determinate operazioni, se in casa si dispone di strumenti smart. Nel caso in cui l'utente sia dotato di lavatrici intelligenti, ad esempio, egli può avviare l'elettrodomestico con un semplice comando vocale rivolto a Google Home.

Essendo un altoparlante, esso offre anche la possibilità di interagire con l'utente tramite la voce e di fornire una serie di opportunità: dall'accensione e spegnimento delle luci fino all'avvio di una serie televisiva su Netflix o di una canzone su Spotify.

Uno dei modi per mettere alla prova l'esperienza di intrattenimento di Google Home consiste nel sottoporre allo speaker delle domande divertenti, alle quali vengono fornire delle risposte sorprendenti.

Per avviare un'interazione con il dispositivo o con qualsiasi altro speaker su cui è installato Google Assistant, basta pronunciare: “Ok Google” oppure “Hey Google” e formulare la richiesta come quella di effettuare una determinata ricerca su internet. Le cose che l'assistente vocale può fare sono tantissime. Serve soltanto tempo e pazienza per scoprire quanto esso può essere comodo e divertente al tempo stesso.

Come funziona Google Home?

Prima di passare alle domande da sottoporre all'assistente vocale, è opportuno conoscere il funzionamento di Google Home. A seguito della formula sopra riportata e della domanda di proprio interesse, esso reperisce le informazioni direttamente da internet. L'affidabilità e l'accuratezza dei feedback sono assicurate dal fatto che Google è il motore di ricerca numero uno al mondo e di conseguenza le prestazioni del suo assistente vocale sono eccellenti.

Andando nel dettaglio, il dispositivo è connesso alla rete e riceve i dati tramite comandi vocali. Proprio come un maggiordomo virtuale, esso esegue gli ordini che gli vengono impartiti come attivare un elettrodomestico oppure fermare una traccia musicale che si sta ascoltando.

Ci sono delle funzioni di Google Assistant che sono di default come la sveglia, il meteo e le ricerche web. Altre, invece, richiedono che vengano installate delle action esterne, che possono ampliare le possibilità di utilizzo dell'assistente vocale. Google Home permette di integrare le principali piattaforme di contenuti in streaming come YouTube, Deezer e Spotify. Inoltre, si possono integrare le proprie stazioni radio preferite.

4 Domande base da fare a Google Home

Le richieste di base che possono essere sottoposte a Google Assistant. La prima, che va effettuata da parte di chi utilizza per la prima volta Google Home, è la seguente:

"Ok Google, prova"

Tale comando vocale serve a chiedere all'assistente vocale se recepisce correttamente le informazioni date a voce dall'utente. Si tratta di un vero e proprio test, il cui esito è fondamentale per poter utilizzare Google Assistant.
La risposta a tale domanda è la seguente:

"Debug OK

209489812638

È stato strano."

Si tratta di una serie numerica casuale, di cui nemmeno Google sa il significato.

Un'altra richiesta base che viene effettuata da parte di molti utenti è:

"Ehi Google, cantami una canzone"

In questo caso, chi si aspetta un brano della musica italiana o di quella internazionale si sbaglia perché la risposta dell'assistente vocale è:

"Ecco qui.

Il mio grande momento.

Una possibilità di cantare.

E lo possederò... "

A quel punto parte una canzoncina con una melodia di sottofondo, che può allietare la giornata dell'utente strappandogli un sorriso.

Gli amanti delle serie tv possono chiedere a Google di avviare la loro preferita. Basta che siano dotati di Chrome e pronunciare:

"OK Google, riproduci Squid Game su Netflix"

A quel punto sul televisore abbinato l'utente può cominciare a guardare quanto richiesto o cambiare i propri programmi magare chiedendo a Google Assistant di sintonizzare il televisore su un determinato canale.

Tra le principali possibilità offerte dall'assistente vocale vi è la possibilità di utilizzare Google Home come cassa bluetooth trasferendo la musica direttamente dallo smartphone. Basta pronunciare la frase:

"OK Google, accoppia Bluetooth"

Allo stesso modo, è possibile trasmettere un messaggio ai vari device associati facendo in modo che esso venga ascoltato su tutti.

3 Domande strane da fare a Google Home

Google Assistant oltre a offrire un supporto è anche un valido passatempo con cui mettere alla prova l'intelligenza artificiale dell'assistente vocale di Google. Ecco 3 domande strane che è possibile rivolgergli:

"Ok Google, hai un'immaginazione?"

Anche se Google Assistant è programmato per offrire delle risposte specifiche, può anche andare oltre dando un esempio dei progressi dell'intelligente artificiale. Ne è un esempio la risposta a tale richiesta:

"Sto immaginando di avere 12 cuccioli di cui occuparmi.

Scusa, devo smettere di immaginarmelo. Sono esausto!"

Anche nel caso in cui lo si sfida con una domanda difficile, la risposta può essere sorprendente. Se ad esempio gli si chiede:

"Hey Google, cosa sto pensando?"

Google Assistant potrebbe rispondere:

"Stai pensando a una grande torta, condita con cioccolato e ciliegina sulla torta.

E se non lo fossi prima, ora lo sei. "

Un'altra domanda strana e quasi provocatoria è:

"Ok Google, Pulisci la mia stanza"

La risposta anche in questo caso non si fa attendere:

"Fammi provare … È successo qualcosa? Scusa, immagino di non poterlo fare. "

In questo caso la richiesta non può essere soddisfatta ma l'ironia della risposta rende il suo utilizzo gradevole e amichevole.

3 Domande divertenti da fare a Google Home

Il modo migliore per mettere alla prova l’intelligenza di Google Assistant sono le domande divertenti. Le risposte possono essere anche esilaranti dando un tocco di allegria alla giornata dell'utente. Molto dipende dall'originalità della richiesta. Ecco alcune tra le più bizzarre e provocatorie:

"Hey Google, sono nudo. Che cosa fai?"

Proprio in virtù dell'intelligenza artificiale, sempre più vicina a quella umana, la risposta è quasi imbarazzata: "Per favore, per il bene di tutti intorno a te, non uscire così. Indossa dei vestiti".

Un'alternativa a Google Assistant, per i dispositivi Apple è Siri e una domanda provocatoria da porre all'assistente vocale è:

"Cosa ne pensi di Siri?

A tale domanda, esso risponde: "Che ci crediate o no, sia gli assistenti intelligenti di Amazon che quelli di Microsoft hanno un buon rapporto. È pieno di rispetto reciproco e giochi di parole stupidi. Non ci credi? Fai semplicemente questa domanda ad Alexa e preparati ad essere illuminato con i dettagli della loro amicizia".

Infine, il classico comando per divertirsi è:

"Raccontami una barzelletta"

Si tratta di una richiesta molto comune, che viene soddisfatta con il racconto di una barzelletta che può scatenare le risate dell'utente e di chi gli sta intorno. Ciò rende Google Home una soluzione non solo utile e pratica ma anche capace anche di radunare intorno a uno speaker un'intera famiglia o un gruppo di amici.

Conclusione

Google Home è diventato uno dei dispositivi domotici più diffusi. Il merito è soprattutto della scelta di Google di offrire ai propri clienti un prodotto di alto livello che consente di coniugare domotica e intrattenimento.

La semplicità d'uso e l'ampia compatibilità del dispositivo consente di sfruttarlo per vari utilizzi assicurando un'esperienza d'uso versatile, multimediale e divertente.

Luca Campanella, classe 1996, irrefrenabile viaggiatore con la grande passione per la tecnologia, l'Arte e le storie distopiche. Condividere e sapere è ciò che più lo entusiasma. Nerd da prima che andasse di moda.
©2018-2021 Domotica PRO - Digital Services - P. Iva 01263740860
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram